TUTTI A GENOVA CONTRO IL G8

 

II G8 è il luogo dove i Grandi padroni, attraverso i loro politici e i loro stati più importanti, mediano tra loro, decidendo le politiche dell'economia, della guerra e del destino del mondo. Quest’anno i Grandi 8 sono a Genova, lì discuteranno la politica dei redditi a livello globale, riaffermeranno l’appoggio alla divisione internazionale del lavoro, alle gerarchie tra la gente ed i popoli. Proclameranno solennemente, avendo amplificato il loro messaggio dal sistema bugiardo e corrotto dei media, i diritti dell’uomo e dei popoli, cioè il dovere dell’umanità a continuare a servirli ed ingrassarli. Si mostreranno in tutta la loro potenza, circondati da decine di migliaia di uomini armati, occupando tutta una città, imponendo divieti, pronti a colpire chiunque si opponga. Nel nostro interesse decideranno che, per aumentare i loro profitti, bisognerà tagliare ancora sul costo del lavoro, spremendo ancora di più gli operai, convincendoli a fare altri sacrifici, in nome di un non meglio precisato benessere di domani o di dopodomani, bisognerà continuare a privatizzare ciò che rende a loro e tagliare i servizi, le spese pubbliche per istruzione, sanità, pensioni!

 

Per far funzionare lo loro legge usano il pugno di ferro: chi non si piega è sterminato, con vere guerre per finti obiettivi e il sistema dei mass media copre tutto, mentendo e disinformando. Quali sono i risultati per noi? Disastri climatici e ambientali che trasformano le nostre terre in discariche di veleni e distruggono la nostra salute; disastri sociali che producono disoccupazione, migrazioni di massa, suicidi e disagi psichici. Le guerre e le repressioni cruente lambiscono anche l'Europa, ci sono ormai dentro. Le loro divisioni, i loro conflitti devono essere combattuti e pagati da noi lavoratori.

 

Dobbiamo fermarli

 

Per agire indisturbati ci hanno divisi, ora bisogna trovare la forza per riunirci. Dovremmo forse restare isolati nelle nostre gabbie, odiarci l'uno con l'altro come la loro strategia vorrebbe? No. Dobbiamo contrastare questa politica di odio e di divisione costruendo solidarietà e rispetto tra i lavoratori di tutti i paesi. Per questo vogliamo andare a Genova e manifestare contro il G8, farne un momento di passaggio, uno scalino importante nella costruzione del movimento reale dei lavoratori e dei popoli per una società di liberi ed eguali.

Invitiamo tutti i lavoratori e le loro famiglie a partecipare alle mobilitazioni che si terranno a Genova dal 15 al 21 luglio. Non dobbiamo avere paura delle intimidatorie minacce di repressione, se siamo in tanti e uniti possiamo assediarli mostrare al mondo che siamo noi i produttori di ricchezza, la società civile e loro sono gli occupatori, i profittatori, i ricattatori che estorcono il pizzo con la forza delle loro schiere di armati.ontro il G8 sia ampio e grande numericamente, e che a Genova la riunione di potenti venga assediata dalla protesta popolare più grande possibile.

Noi siamo d'accordo che ad aprire il corteo siano gli operai della Danone in lotta contro un piano di ristrutturazione che prevede la soppressione di migliaia di posti di lavoro in sei stabilimenti in Europa (in primo luogo a Calais i Francia), nonostante l'impresa continui ad accumulare profitti. I capitalisti padroni della Danone (tra cui Agnelli)  trovano più conveniente delocalizzare dove il costo del lavoro è più basso e aumentare l’intensità dei ritmi. Facciamone un caso e una lotta si solidarietà internazionale tra lavoratori. Sviluppiamo dovunque la solidarietà e il soccorso tra lavoratori e popoli riprendendo le tradizioni del mutuo soccorso e dell’internazionalismo, a partire da Genova e oltre Genova. Per questo vi proponiamo di agire coordinati in  una mobilitazione sui posti di lavoro a partire dai temi del G8, dall’appoggio e dalla partecipazione allo sciopero del giorno 20 luglio 2001 indetto dai sindacati di base, da  una campagna per il boicottaggio dei prodotti Danone, dal collegamento in rete per uno scambio veloce di informazioni e appuntamenti per l'organizzazione della nostra partecipazione alle manifestazioni di Genova assieme a tutti gli altri lavoratori.

Lavoratori del Veneto contro il  G8       Network veneto per i diritti globali

 

Per informazioni:

 http://www.venetocontrog8.net    http://soccorsopopolare.org  sparta@libero.it